Questo sito utilizza cookie. Utilizzando i nostri servizi, si accettano le modalità d'uso dei cookie.

Privacy e Cookie

Abbiamo i vincitori del Concorso internazionale di idee per la riqualificazione della Piazza Transalpina

17.09.2020
press

Il Concorso internazionale di idee per la riqualificazione della Piazza Transalpina e la ricucitura urbanistica dell'area di confine è giunto al termine e i Sindaci delle due città hanno svelato proprio in piazza Transalpina i nomi dei vincitori: tre sono i progetti premiati e tre sono gli ulteriori progetti con menzione speciale.

Dei 56 progetti arrivati ben 54 sono stati ammessi alla valutazione. I paesi con più partecipanti sono stati Italia (19), Slovenia, Spagna e Francia (5), per un totale di ben 18 paesi, tra i quali anche l’Uganda, la Federazione Russa e il Giappone. Tra questi ben 7 gruppi erano di nazionalità miste, con professionisti fino a 4 paesi diversi.

 La Giuria internazionale ha scelto i lavori più significativi e che meglio rappresentano l’idea di un nuovo territorio comune a cavallo del confine, una ricucitura in chiave europea e culturale, che fa da assist alla candidatura di Nova Gorica e Gorizia a Capitale europea della cultura 2025.

L’idea del Concorso è nata proprio nell’ambito della Candidatura e ha visto impegnati nella sua realizzazione molteplici soggetti, tra cui in primis i due Comuni, associazioni di categoria, esperti esterni specializzati nella gestione di questo tipo di concorsi, l’Unione internazionale degli Architetti (UIA) e, naturalmente, il GECT GO a regia dell’operazione.

Il concorso è stato condotto in conformità con il Regolamento standard UIA-UNESCO per i concorsi internazionali di architettura e urbanistica, che garantisce l’eccellenza nell’ambito dell’architettura, della sostenibilità e della diversità culturale. Da un lato l’esperienza pluridecennale dell’UIA nella supervisione e nell’assistenza nei concorsi internazionali di architettura e pianificazione urbana e dall’altro l’autorità e l’esperienza dell’UNESCO che promuove la parità di trattamento, la trasparenza, l'aggiudicazione qualificata, la qualità e l'innovazione conferiscono al concorso garanzia di qualità culturale ed artistica.

 Fra gli iscritti erano concorrenti da 18 stati dai quali anche 7 gruppi misti: 

1.       Italy

19

2.       Slovenia

5

3.       France

5

4.       Spain

4

5.       Netherlands

3

6.       Argentina

2

7.       Austria

2

8.       Germany

2

9.       Greece

2

10.   UK

2

11.   Brazil

1

12.   Japan

1

13.   Liechtenstein

1

14.   Portugal

1

15.   Russian federation

1

16.   Serbia 

1

17.   Switzerland

1

18.   Uganda

1

 La giuria internazionale ha raccontato che il lavoro richiedeva la produzione di proposte riguardanti il ​​contesto urbano a livello di concorso di idee, mentre richiedeva proposte architettoniche per Piazza Europa e per il nuovo Epicentro a livello di concorso di progettazione.

I progetti presentati hanno mostrato una grande varietà di tematiche per quanto riguarda le idee e le proposte architettoniche per Piazza Europa e per l'Epicentro.

Le proposte per il contesto urbano hanno affrontato le possibilità di ricucire i due lati per un lungo periodo sia tramite la riattivazione e la riprogrammazione dell'area, ma anche tramite la riduzione del numero di binari che attualmente sono uno dei principali ostacoli che creano il presente confine fisico.

Un grosso problema ovviamente era l'ubicazione dell'Epicentro, di fronte o su entrambi i lati della stazione ferroviaria, sotterraneo o come struttura di collegamento tra i binari ferroviari esistenti. 

Un gruppo di concorrenti ha visto la proposta per Piazza Europa e per l'epicentro come due progetti separati, altri hanno stratificato entrambi i campi operativi e li hanno uniti realizzando un unico progetto. 

La diversità degli approcci e la qualità dei progetti è stata una base sostanziale per una discussione altamente professionale e approfondita tra i membri della giuria che hanno cercato di selezionare il progetto migliore.

La giuria ha scelto i seguenti vincitori

1° premio - Studio Associato di Architettura Baglivo Negrini Italia

1 premio a

1 prize b

1 prize c

  

2° premio - Paul Vincent e étude Anthony Benarrroche architecte Francia

2 prize a

second prize b

2 prize c

 

3° premio - SADAR+VUGA d.o.o.   Slovenia

3a

3b

3c

 

 

 

La giuria ha nominato anche i premi di menzione speciale 

M2R Arquitectos Spagna

hon b

jon b

hon c

  

Savio Rusin Architetto Italia

hon 5 a

hon 5 b

 

Pedro Pitarch Alonso Architetto Spagna

hon 6 c

hon 6 b

 

 

 

 

Documenti

Archivio